News and Events

News and Events

Il tuo volo per l’Industria 4.0 è partito, fai buon viaggio.

icosulting-doctor-data-rev-2-002-4È uno dei termini più complessi di oggi, e anche se la definizione non è chiara ai più, fa già parte della nostra vita. Tre parole per inquadrare tutto ciò che va sotto l’etichetta “Industria 4.0“? Vi dico le mie: Automazione, Analytics e Internet of Things (IoT). Già, immaginate una fabbrica in cui le macchine parlano tra loro supportate da uno scambio di dati e alimentate dall’IoT: una quarta rivoluzione industriale che rende intelligenti le fabbriche, e fa di reti e sensori i nuovi trend setter.

Non potrebbe essere altrimenti, considerata l’attenzione e gli investimenti che anche il nostro paese, seconda manifattura d’Europa, sta facendo proprio in questo ambito. Ecco qualche numero che viene direttamente dal Ministero dello Sviluppo Economico riguardo il Piano Nazionale Impresa 4.0 (a un anno dalla sua introduzione): un incremento da 80 a 90 miliardi negli investimenti innovativi privati, un aumento di 11,3 miliardi di spesa privata in Ricerca, Sviluppo e Innovazione (con maggiore focus sulle tecnologie entro il 2020), e solo per il 2018, 9,8 miliardi stanziati dopo i 20 dell’anno scorso. Che dire, fate voi i conti…

Ebbene sì, la rivoluzione è già qui e per competere nel mondo di domani le aziende non possono arrivare in ritardo. Quali sfide affronteremo nel prossimo futuro? Andiamo a dare un’occhiata a cosa sta succedendo nel settore più interessato al tema, l’Industria Manifatturiera.

L’IoT ha preso d’assalto l’industria manifatturiera

Internet of Things Infographic via Industrial IP Advantage

L’applicazione dell’IoT non solo ha automatizzato e accelerato il processo, ma ha portato trasparenza e nuove opportunità per la crescita economica, anche perché va oltre la riduzione dei costi: una fabbrica connessa è sostanzialmente un ambiente di “auto-riparazione” in cui le risoluzioni avvengono in tempo reale mentre si verificano i problemi, o anche prima dell’applicazione dell’analisi predittiva.
Questo nuovo sistema rappresenterà il prossimo passo verso la realizzazione della “Smart Factory“, aprendo la strada alla crescita dell’intera organizzazione, collegando l’impianto a sistemi aziendali sia a livello locale che globale. E con i 50 miliardi di dispositivi connessi entro il 2020, il vero vantaggio andrà ai primi ad adottare questa nuova rivoluzione. Per saperne di più su cosa aspettarsi dall’IoT, ti riporto qui l’infografica IoT di Industrial IP Advantage (per la versione ingrandita, clicca qui).

Il focus dell’IoT? Senza dubbio gli Analytics.

La componente “Analytics” dell’IoT è l’assoluta protagonista, lo conferma anche questo interessante report dell’IoT Solution World Congress di Barcellona: già sapevamo che il bello dei dati sarebbe stato ricavarne informazioni e indicazioni utili per il business, dall’innesco del processo di manutenzione di una piattaforma petrolifera fino alla promozione su un determinato capo di abbigliamento proposta da uno specchio intelligente… pare proprio che la “I” di IoT si sposti sempre di più verso il concetto di Intelligence of Things.

Attenzione alle insidie del processo…

I progressi tecnologici degli ultimi decenni hanno certamente migliorato la produttività e l’efficienza delle operazioni di produzione, ma la portata innovativa promessa da questa “quarta rivoluzione industriale” si spinge ben oltre. Come emerge anche in questo articolo di Forbes, dal momento che le informazioni guidate dai dati permettono di compiere azioni su tutto – dallo sviluppo del prodotto alle vendite, fino all’approvvigionamento e alla consegna – è fondamentale che le organizzazioni abbraccino la trasformazione generale della struttura, della strategia e dell’esecuzione. Un processo semplice e lineare? Tutt’altro, e per una semplice ragione: i cambiamenti portati dalla digitalizzazione della produzione sono difficili e vedere concretizzate le promesse di questa rivoluzione potrebbe richiedere tempistiche più lunghe.

Non facciamoci travolgere da consigli e ricette segrete

.
Come, cosa e quando iniziare la trasformazione è un po’ come  il tuo primo figlio: tutti quelli che conosci – e anche le persone che non conosci! – sono esageratamente felici di condividere con te i segreti che hanno imparato nella loro esperienza. E il più delle volte il consiglio di un amico ben intenzionato sarà in conflitto con i consigli di un altro. Le aziende vengono continuamente bombardate da idee, intuizioni, raccomandazioni e proposte per l’implementazione di soluzioni che rivoluzioneranno le loro operazioni. Ma chi lo sa davvero?
Bisogna anzitutto farsi le domande giuste, come: i miei prodotti si prestano ad essere connessi? Se sì, come? Quale ecosistema devo creare in modo che le informazioni su come i clienti utilizzano i miei prodotti abbiano un effetto su design e produzione? E non meno importante: se mi espongo e porto i miei fornitori in un ambiente connesso, come posso proteggermi e creare un ambiente sicuro?

Oltre l’orticello, per vederci meglio

.
Ok, è davvero molto difficile mettere insieme una visione comune di ciò che questa rivoluzione dovrebbe
esattamente fare e per chi. Produzione, operazioni, design, ingegneria, marketing, vendite, finance: tutti si aspettano di ottenere qualcosa di concreto e vantaggioso dal nuovo modo di produzione intelligente e connesso. Nel sacrosanto entusiasmo generale, sarà fondamentale avviare una collaborazione tra tutti questi gruppi, per non cadere nella vecchia storia dell’orticello che ognuno coltiva per sé, rischiando di perdere di vista il disegno completo e l’obiettivo comune.
Chiudiamo quindi con un auspicio generale: procedere oltre le ragioni dell’efficienza e del risparmio sui costi, accogliendo le nuove sfide dell’interconnessione, della customer experience e della sicurezza.

 

Un appuntamento per capirne di più, il 21 Marzo a Imola
MachineLearning, IoT e Industry 4.0: cosa comportano per la manifattura e l’economia? Ne parleremo a Tecnologie e Soluzioni predittive per l’industria intelligente, evento in collaborazione con SACMI, leader mondiale nel settore delle macchine automatiche.

Consulta l’agenda della giornata »

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulle Doctor Data Pills e sulle iniziative Iconsulting?

Iscriviti alla Newsletter!
Bologna / Headquarters

Via Bazzanese 32/7
40033 Casalecchio di Reno
(BO) Italia

051.4391311
Email
Google Maps
Milano

Piazza 4 Novembre, 7
20124 Milano
Italia

02.87343708
Email
Google Maps
Roma

Via della Conciliazione, 10
00193 Roma
Italia

06.68809942
Email
Google Maps
London

2nd floor, Hygeia House
66 College Road
Harrow Middx HA1 1BE
UK

+44 (0)207.8876249
Email
Google Maps
Iscriviti alla newsletter