Il Fatto Quotidiano parla del nostro algoritmo per individuare i principali diffusori di Fake News sui vaccini Covid e intervista Giorgio Gabbani, Senior Manager di Iconsulting, che ne racconta il funzionamento.

Con l’arrivo dei vaccini contro il Covid-19, abbiamo assistito a una nuova e consistente circolazione di notizie false, fantasiose supposizioni e informazioni contraddittorie. Un fenomeno che avevamo già osservato nel picco dell’emergenza, quando con la dashboard interattiva pubblicata all’interno del nostro DataTell. – The Truth Between The Lines, abbiamo mostrato il meccanismo di diffusione su Twitter delle “bufale” relative al virus.

Come riporta Il Fatto Quotidiano, la nostra analisi si inserisce in un contesto di esponenziale aumento della diffusione di notizie false – pari al 436% secondo il report 2020 della Polizia Postale – che ha mosso anche le istituzioni europee, fra cui la Commissione europea e l’Alto Rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza a pubblicare l’intervento dal titolo “Tackling Covid-19 disinformation: getting the facts right”.
Anche in questa occasione, grazie al nostro algoritmo, offriamo un’immagine realistica di quello che è accaduto fra il 27 Dicembre 2020 eil 18 Aprile 2021: dal “V-day” italiano ai più recenti dibattiti sui temi di sicurezza legati ad alcune case farmaceutiche. Il nostro algoritmo ci ha infatti permesso di assegnare uno score ad ogni profilo Twitter che, nel periodo considerato, abbia utilizzato gli hashtag: #vaccino, #vaccini, #novax, #astrazeneca, #PfizerBioNTech, #Moderna e #sputnik.
Intervistato da Il Fatto Quotidiano, Giorgio Gabbani, Senior Manager di Iconsulting, ne approfondisce il funzionamento: “Si parte fornendo all’algoritmo una conoscenza di base. Gli vengono fornite informazioni già sottoposte a fact checking, e quindi già etichettate come vere o come false. A questo punto sfruttiamo i meccanismi di interazione sui social per svolgere un controllo su quelle notizie che ancora non sono state esaminate”.

Grazie a un’analisi di questo tipo, la nostra dashboard mostra le categorie di utenti che si sono dimostrate più affidabili, riportando una cronaca verificata sul tema dei vaccini e sul relativo processo di somministrazione. Fra queste spiccano l’Organismo governativo e il Mondo della Sanità, mentre Politici e Mondo dell’Istruzione sembrano mostrare posizioni decisamente più polarizzate e meno oggettive.

Non conosci DataTell.?
DataTell. è il nostro modo di leggere e raccontare il mondo grazie a quello che conosciamo meglio, i dati. In questo racconto, immersivo e ricco di visualizzazioni interattive, esploriamo l’universo Fake News: se ne parla tanto e il suo hype si ripropone ciclicamente in momenti di straordinaria emergenza e confusione.
La nostra esplorazione parte da alcuni episodi della Storia recente, di cui abbiamo contestualizzato gli aspetti storici e tecnologici, e culmina con l’elaborazione di un algoritmo per offrire una lente di ingrandimento sulla recente attualità.
In uno scenario così delicato, la tecnologia sembra complicare le cose, perché permette alle informazioni di viaggiare veloci e arrivare ovunque. Eppure, è allo stesso tempo la migliore alleata per combattere la diffusione di contenuti non verificati, notizie parziali, contraddittorie e false.
Esplora DataTell. e naviga la dashboard >>


All the tech, business news and trends you need to know. Delivered to your inbox.
Share
Share